Al via un Gruppo Consultivo IEA-Italia per la digitalizzazione delle infrastrutture energetiche - Energyup

Smart grid

Al via un Gruppo Consultivo IEA-Italia per la digitalizzazione delle infrastrutture energetiche

Attraverso analisi, casi studio e best practice da tutto il mondo, l’IEA svilupperà apposite linee guida per garantirne la replicabilità anche in contesti economici emergenti

27 Gen 2021

Accelerare la digitalizzazione delle infrastrutture energetiche, lo sviluppo delle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica per arrivare a un’economia ecosostenibile a basse emissioni di carbonio. Con questo obiettivo è stato avviato un progetto che vede coinvolte l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA) e le istituzioni italiane, attraverso un gruppo consultivo di alto livello, composto da esperti dei Ministeri degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente, dell’ENEA, di importanti player di settore, di altre istituzioni di ricerca, università e associazioni industriali. Più nel dettaglio, i temi chiave saranno quelli della digitalizzazione, delle tecnologie evolute, del quadro regolatorio, del mercato e modelli di business innovativi, nonchè gli investimenti necessari per aumentare la resilienza dei sistemi energetici e la flessibilità della domanda e dell’offerta di energia.

Attraverso analisi, casi studio e best practice da tutto il mondo, l’IEA svilupperà apposite linee guida per garantirne la replicabilità anche in contesti economici emergenti. Il Gruppo Consultivo, costituito, che sarà suddiviso in quattro sotto-gruppi (tecnologia, policy e regolamentazione, sviluppo del mercato e finanza), contribuirà a rafforzare il valore, l’impatto e la portata del progetto e in particolare fornirà supporto e consulenza su questioni tecnico-scientifiche per l’implementazione dei progetti e metterà in campo iniziative per la diffusione e la promozione dei risultati.

“Secondo il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima, in Italia nel 2030 le fonti rinnovabili dovranno coprire il 30% dei consumi finali lordi di energia – sottolinea Giorgio Graditi, Direttore del Dipartimento Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili dell’ENEA e membro del Gruppo Consultivo – . In questo contesto è di fondamentale importanza intervenire su infrastrutture e reti con processi di ristrutturazione e “smartizzazione” e con l’implementazione di logiche digitali avanzate per accogliere quote crescenti di energie rinnovabili e generazione distribuita, garantendo adeguati livelli di resilienza e flessibilità del sistema e favorendo la decarbonizzazione dei settori produttivi del nostro e di altri Paesi, con effetti positivi anche in termini di opportunità di crescita e sviluppo economico”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

G
Giorgio Graditi

Aziende

E
ENEA

Approfondimenti

E
energie rinnovabili

Articolo 1 di 4