Fonti Pulite

Il fotovoltaico italiano continua la sua corsa grazie ai grandi impianti

Nei primi mesi sei mesi dell’anno sono stati installati circa 2,3 GW di impianti, anche di grandi dimensioni

Pubblicato il 30 Ago 2023

Impianto fotovoltaico realizzato da Elmec Solar per la sede di Campari Group di Novi Ligure

Continua il buon momento del fotovoltaico a livello nazionale: secondo un report diffuso da Italia Solare, nei primi sei mesi dell’anno sono stati installati oltre 2.300 MW di nuova potenza fotovoltaica, con una crescita del 129% rispetto al primo semestre del 2022. Il 47% della potenza connessa nella prima metà del 2023 (1.096 MW) è da imputare al settore residenziale (impianti sotto i 12 kW), ma sono riprese le installazioni dei grandi impianti sopra i 10 MW.  Nel secondo trimestre del 2023, in particolare, il solare è stato trainato dalla potenza connessa imputabile al settore C&I (impianti tra i 20 kW e il MW destinati all’ambito aziendale) e al settore utility-scale (impianti con potenza maggiore a 1 MW).

La potenza connessa in tali settori nel Q2 23 ha registrato un aumento del 49% per il primo caso e del 89% nel secondo, rispetto al primo trimestre di quest’anno. Il segnale positivo è che nel secondo trimestre 2023 sono riprese le connessioni di impianti di potenza superiore a 10 MW che erano ferme da luglio 2022. In particolare, durante il secondo trimestre di quest’anno sono stati connessi in Italia 3 impianti: due da 10 MW, uno in Piemonte e uno in Puglia e uno da 36 MW in Sardegna.

Compensati gli effetti del Superbonus

Questa ripartenza ha permesso di compensare il calo previsto della potenza connessa degli impianti con taglia inferiore ai 20 kW, che tra il primo e il secondo trimestre ha subito una riduzione del 7% , in buona parte legata al superamento del Superbonus. In effetti la potenza connessa al settore residenziale per la prima da volta da maggio 2022 ha iniziato a calare, passando da 569 MW del primo trimestre 2023 a 528 MW nel secondo trimestre.

WHITEPAPER
Rinnovabili in Italia (e nel mondo): come il digitale può supportare il loro utilizzo?
Smart Grid
Utility

“Un dato interessante è certamente quello che registra una crescita di tutti gli impianti sopra ai 20 kW rispetto al primo trimestre del 2023. L’incremento nel settore C&I sta compensando il calo del residenziale perché continua a perdurare la spinta dettata dal caro energia, molto minore rispetto al 2022 ma ancora con prezzi 2 o 3 volte superiori rispetto a prima della crisi.

Significa che le imprese hanno compreso che assicurarsi il prezzo dell’energia è fondamentale e tutela da qualsiasi rischio di impennata dei prezzi che può mettere in pericolo la redditività dell’azienda. Assolutamente positivo anche l’aumento delle installazioni oltre il MW e questo fa ben sperare per la seconda metà dell’anno, nonostante ci si trovi a operare in un contesto che vede ancora lontani i target di nuova potenza fotovoltaica da installare annualmente”, commenta Paolo Rocco Viscontini, Presidente di Italia Solare.

In Italia ci sono così a fine giugno 2023 ben 1.423.986 impianti connessi, tanto che la soglia del milione e mezzo di impianti potrebbe essere superata già entro settembre 2023.  La Lombardia si conferma la regione più solarizzata di Italia con i suoi 3,58 GW di potenza cumulata aumenta il gap con la Puglia, la quale conta 3,18 GW di potenza fotovoltaica connessa. Nei primi sei mesi la Lombardia ha corso decisamente più veloce delle altre regioni posizionandosi in testa per potenza connessa con 429 MW, seguita dal Veneto con 353 MW e dall’Emilia Romagna con 235 MW; mentre la Puglia si classifica sesta con 118 nuovi MW.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3