Sostenibilità

ABB assicura la ricarica veloce dei traghetti elettrici di Amsterdam

I convertitori di potenza di ABB consentiranno la ricarica veloce automatizzata di cinque nuovi traghetti elettrici che effettuano servizio 24 ore su 24 sul Canale del Mare del Nord

08 Feb 2022

I trasporti marittimi hanno tradizionalmente funzionato con un’alimentazione a diesel, caratterizzata da un elevato impatto ambientale. Più di recente, anche in questo comparto, i motori elettrici  stanno dimostrando una crescente affidabilità: lo dimostra un progetti in corso di realizzazione ad Amsterdam. L’azienda di trasporto pubblico della città olandese, Gemeentelijk Vervoerbedrijf (GVB), nell’ambito della sua strategia per diventare un’azienda di trasporti sostenibili a emissioni zero ha ordinato cinque nuovi traghetti elettrici, che entro il 2023 sostituiranno l’attuale flotta a motore diesel risalente agli anni Trenta.

GVB metterà in funzione i traghetti elettrici su tre rotte ad alto traffico del Canale del Mare del Nord che trasportano oltre 35.000 auto all’anno. Le imbarcazioni saranno sempre in servizio, giorno e notte, con soste di soli tre minuti per ricaricare le batterie dopo ogni viaggio di andata e ritorno della durata di 20 minuti. I traghetti sono progettati con una tecnologia “plug-in hybrid”, ma opereranno normalmente con alimentazione elettrica al 100% fornita dalle batterie da 680 kilowattora (kWh). Chiaramente la velocità della ricarica delle batterie, che storicamente rappresenta il vero e proprio tallone d’Achille dell’elettrico, sarà invece fondamentale per l’affidabilità del servizio.

In questo contesto entra in gioco la tecnologia di conversione di potenza di ABB,  pensata per assicura un’alimentazione stabile per i caricabatterie veloci destinati a cinque nuovi traghetti elettrici. Infatti, per garantire una ricarica sicura ed efficiente e per ottimizzare la durata delle batterie, la corrente continua a 750 V fornita dai caricabatterie deve essere protetta dalle oscillazioni che si verificano sulla rete principale. ABB ha così fornito tre moduli di alimentazione ACS880 con conversione di potenza basata sulla tecnologia del transistor bipolare a gate isolato (IGBT). Questa soluzione garantisce un’uscita in corrente continua molto stabile, con distorsioni minime dalla rete, grazie alla capacità di rispondere alle oscillazioni di rete e compensare i cali di tensione.

“La soluzione di ricarica rapida fornita da BAM e ABB è completamente automatizzata e può essere facilmente integrata negli orari del traghetto. Con la motorizzazione elettrica scompaiono le emissioni di particolato e di biossido di carbonio. Quando tutti i cinque traghetti elettrici saranno in funzione e le vecchie imbarcazioni diesel saranno ritirate, risparmieremo 800.000 litri di gasolio all’anno, eliminando 2.400 tonnellate di emissioni di carbonio” sottolinea Alain Asin, responsabile di progetto di GVB.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
ABB

Approfondimenti

M
mobilità
T
trasporti

Articolo 1 di 4