Mobilità elettrica

E-mobility, MASE: online la Piattaforma Unica Nazionale dei punti di ricarica

La Piattaforma Unica Nazionale mappa i punti di ricarica per veicoli elettrici in Italia, promuovendo lo sviluppo della mobilità elettrica e fornendo un supporto per la pianificazione urbanistica

Pubblicato il 28 Mar 2024

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha lanciato il portale istituzionale che fornisce una mappatura dei punti di ricarica per veicoli elettrici disponibili al pubblico in tutto il paese. Il debutto della Piattaforma Unica Nazionale (PUN), al cui sviluppo hanno partecipato anche i rappresentanti di GSE e RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), è avvenuto durante una conferenza stampa alla quale ha partecipato il Ministro Gilberto Pichetto Fratin.

Valore aggiunto per la mobilità elettrica in Italia

Accessibile all’indirizzo “https://www.piattaformaunicanazionale.it/” e attraverso i siti web del MASE e del GSE, la Piattaforma Unica Nazionale dei punti di ricarica offre la possibilità di individuare le infrastrutture di ricarica sparse sul territorio italiano. In particolare, fornisce dettagli sulla tipologia di alimentazione e sulla potenza massima erogabile, oltre a informazioni sui fornitori del servizio (Charging Point Operator, CPO) e sullo stato attuale del punto di ricarica.

WHITEPAPER
La Smart Grid arriva in Italia: scopri i vantaggi della rete elettrica intelligente
Unified Communication & Collaboration
Banda Larga

“La PUN – ha sottolineato Pichetto – è un valore aggiunto per la diffusione della mobilità elettrica in Italia: consente infatti di far convergere verso un unico portale istituzionale tanti dati e informazioni omogenee sulla distribuzione dei punti di ricarica, preziose quanto per gli operatori, tanto per gli enti locali e i cittadini. L’evoluzione di questa piattaforma, che nei prossimi mesi si arricchirà di nuove funzionalità – aggiunge Pichetto – potrà renderla sempre più utile alla vita quotidiana dei cittadini e alla pianificazione amministrativa”.

Benefici per la programmazione urbanistica dei territori

Grazie alla collaborazione dei principali gestori delle infrastrutture, la PUN attualmente mappa più di 32.000 punti di ricarica operativi in Italia, inclusi quelli installati sulle reti autostradali, su un totale di 42.500 esistenti. La PUN, oltre a promuovere lo sviluppo della mobilità elettrica, funge anche da strumento di supporto per gli Enti locali nella pianificazione urbanistica dei territori.

L’inserimento dei dati relativi alle infrastrutture di ricarica da parte dei gestori delle colonnine, come stabilito dal decreto ministeriale del 16 marzo 2023, sarà completato entro il 26 luglio prossimo. A dicembre sarà realizzata l’interoperabilità in tempo reale con i CPO e verrà rilasciata un’applicazione che consentirà l’accesso ai servizi della PUN tramite dispositivi mobili.

La campagna di lancio a emissioni zero

La campagna di comunicazione che accompagna il progetto è altrettanto sostenibile. Il concept creativo del video di lancio ruota attorno all’uso della carta come elemento di connessione tra due mondi: un materiale dal carattere artigianale che trasforma la narrazione in un formato digitale. Nel video, il viaggiatore attraversa l’Italia, ammirando i paesaggi e le bellezze artistiche del paese, per poi tornare a casa, in un viaggio fluido e senza ostacoli, reso possibile dalla presenza di colonnine di ricarica.

Il video è stato realizzato con emissioni zero: tutti gli allestimenti sono stati creati manualmente utilizzando carta naturale riciclata al 100%. Inoltre, è stato girato in un unico studio, evitando riprese esterne e spostamenti, con un notevole risparmio di CO2. Alla conferenza stampa hanno preso parte, insieme al Ministro, il Presidente del GSE Paolo Arrigoni, l’Amministratore Delegato del GSE Vinicio Mosè Vigilante, il Presidente di RSE Carloalberto Giusti e l’Amministratore Delegato di RSE Franco Cotana.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5