Smart Home

Haier scommette sull’efficienza energetica delle Smart Home: al via una partnership con Edison

Il produttore di elettrodomestici punta a costruire un vero e proprio ecosistema di partnership per aiutare i propri clienti a ottenere i massimi risparmi energetici possibili

24 Nov 2022

Gianluigi Torchiani

Il caro energia, nonostante la temporanea e limitata discesa dei prezzi, rappresenta una condizione con cui le famiglie italiane dovranno fare i conti per tutti i prossimi anni. Ma questa situazione negativa può rappresentare una fattore abilitante per favorire la diffusione e il reale utilizzo degli elettrodomestici connessi, che i produttori del settore stanno cercando da tempo di diffondere sul mercato. Questa perlomeno è la scommessa di un big del settore come Haier, che per realizzare questo obiettivo punta alla nascita di un vero e proprio ecosistema per l’efficienza energetica delle Smart Home, coinvolgendo anche una utility come Edison. Come ha messo in evidenza, Gianpiero Morbello Head of Brand & IOT Haier Europe, “Il contesto congiunturale per il settore elettrodomestici è complesso, la domanda in Europa sta andando verso il basso. Stanno andando bene soltanto quelle aziende che stanno innovando, non solo nel proprio core, ma anche nell’integrazione del mondo digitale con quello più tradizionale. Insomma, che stanno scommettendo nell’IOT, come noi stiamo facendo dal 2014”.

Ma quali sono i vantaggi legati alla connessione di un elettrodomestico? Secondo Haier, l’obiettivo non deve essere soltanto quello di abilitare il controllo da remoto, quando quello di aumentare la value proposition del prodotto. Ad esempio ottenendo un risparmio energetico ulteriore: “Una lavatrice in classe A odierna rispetto al parco mediamente installato risparmia fino a 200 euro l’anno (stanti i prezzi dell’energia pre crisi), se la connettiamo, questo risparmio può diventa ancora maggiore. Per questo motivo haier sta provando a mettere insieme un ecosistema, dialogando con le utility ma non solo, così da allargare la catena al valore al cliente. Così da gestire insieme il problema dei costi dell’energia per i singoli consumatori”.

I vantaggi in termini di efficienza

In altre parole, l’obiettivo di queste collaborazioni è quello di permettere al cliente di ricavare la massima efficienza dall’uso degli elettrodomestici smart. Al centro di tutto c’è la piattaforma digitale hOn che, al momento, ammette Morbello, è sotto sfruttata: in Europa sono già stati venduti 20 milioni di elettrodomestici Haier che potrebbero sfruttare questa applicazione, ma soltanto un quarto, circa cinque milioni, l’hanno effettivamente scaricata. Segno forse che, probabilmente sinora gli utenti finali non avevano trovato una chiara ragione nella connessione dei dispositivi. L’efficienza energetica potrebbe essere quella ragione: “Con la connessione di tutti gli elettrodomestici al WIFI di casa, attraverso hOn si ottengono alert preventivi sul momento adatto per la pulizia dei filtri o consigli per fare altre manutenzioni che, nelle lavatrici, permettono di risparmiare fino al 20% di energia. Le integrazioni con i servizi metereologici, invece, avvisano in caso di pioggia per evitare il rischio di non poter stendere. Inoltre, è possibile la schedulazione intelligente degli elettrodomestici scegliendo le priorità di utilizzo senza gravare sulla rete elettrica e dover aumentare la potenza del contatore, sempre in ottica di comfort per il cliente”, evidenzia Morbello. L’idea è che la conoscenza del mancato utilizzo delle rete elettrica di milioni di elettrodomestici in determinate fasce orarie, possa essere molto utile anche per i gestori delle reti stesse, alla prese con un bilanciamento energetico sempre più complesso.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

La partnership con Edison

Ma il produttore di elettrodomestici, allargando l’ecosistema, punta ad andare oltre le funzionalità smart già garantite dai suoi dispositivi. In questo senso va vista la partnership con una utility come Edison: la partnership permetterà ai clienti possessori di un impianto fotovoltaico Edison abilitato di godere, dalla fine del 2022, della funzionalità Smart Solar, pensata per ottimizzare le partenze degli elettrodomestici consentendo un risparmio fino al 70% dei consumi energetici. Diventerà possibile, per esempio, caricare la lavatrice o la lavastoviglie e impostare una fascia oraria in cui dare il controllo a Edison che, tramite la sua piattaforma digitale Prosumer, invierà lo start all’app hOn quando la produzione di energia o del livello di accumulo della batteria solare permette all’elettrodomestico di non impattare sui costi energetici. Lo stesso meccanismo sarà valido per il condizionamento o riscaldamento in pompa di calore. La funzione Smart Solar permette poi al cliente di impostare una temperatura in fasce orarie desiderate per poi intervenire automaticamente sui gradi, in base alla produzione dell’impianto solare sfruttandola al massimo o riducendo il prelievo dalla rete nel caso di maltempo.

Come ha evidenziato Marco Adriano Landoni – Direttore Business Development & Innovation Edison Energia, “ È innegabile che il contesto abbia acuito l’interesse per la bolletta energetica. La leva importante è la riduzione dei consumi, da tanti anni ci muoviamo in questo percorso, con strumenti digitali che possono permettere di spiegare ai clienti da dove nasce la spesa energetica. La nostra piattaforma dedicata, grazie alla collaborazione con attori come Haier, permette l’interazione tra domanda e offerta, con impatti che possono essere notevoli”. Haier guarda poi al nascente mondo delle comunità energetiche: grazie a una collaborazione con Hive Power, fornitore specializzato nelle soluzioni innovative per reti intelligenti, Haier Europe installerà appliances all’interno di alcune comunità energetiche e parteciperà al progetto Europeo Horizon. L’obiettivo, anche in questo caso, è quello di migliorare il consumo locale di energia rinnovabile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianluigi Torchiani

Nato a Cagliari nel 1981, giornalista professionista, scrive da quindici anni di tecnologia ed energia. Dal 2014 è editor per il Gruppo Digital360

Articolo 1 di 4