Videointervista

Come la direttiva ecodesign spinge l’efficienza dei motori elettrici

Nicola Ratti, Product Manager di ABB Italia, parla della direttiva Ecodesign: una normativa che impone requisiti di efficientamento per i motori elettrici, che sono a loro volta responsabili di una fetta importante dei consumi elettrici globali

26 Ott 2021

Gianluigi Torchiani

La normativa ecodesign è una legge europea che identifica requisiti specifici per la realizzazione e la progettazione dei macchinari industriali, evidenzia in questa videointervista Nicola Ratti, Product Manager di ABB Italia. I motori elettrici rientrano categoria delle macchine elettriche rotanti e devono perciò sottostare a questa normativa, che prevede dei livelli minimi di efficienza per i motori elettrici introdotti nello spazio economico europeo. La comunità europea è stata tra le prime a legiferare in tal senso ma non è stata certo l’unica. Nel mondo esistono infatti diverse entità che hanno legiferato in questa direzione, tra cui Cina, India e Usa. Dal primo luglio 2021 è entrata in vigore l’ultima emanazione dell’ecodesign, che prevede l’ampliamento dello scopo di utilizzo di questa normativa. In particolare i motori di piccola taglia, che finora erano stati esclusi da qualsiasi efficientamento dovranno avere un libello minimo di efficienza Ie2.

Come la direttiva ecodesign spinge l’efficienza dei motori elettrici

In questo contesto, ABB è da sempre stata all’avanguardia nella produzione e realizzazione di motori elettrici, grazie a un’esperienza di oltre 130 anni. Anche in questo momento ABB rappresenta un’eccellenza con i suoi motori sincroni a riluttanza magnetica che, accoppiati a un azionamento, raggiungono un’efficienza Ie5, ben al di sopra degli obblighi normativi. Questo consente un notevole risparmio economico e una riduzione della Co2 presente in atmosfera. Considerato che circa il 45% dei consumi elettrici è legato alla necessità di alimentare i motori elettrici, ci sono ampi margini di intervento, anche perché la maggioranza dei consumi è destinata ad alimentare pompe, compressori e altri macchinari che potrebbero essere facilmente efficientati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianluigi Torchiani

Nato a Cagliari nel 1981, giornalista professionista, scrive da quindici anni di tecnologia ed energia. Dal 2014 è editor per il Gruppo Digital360

Argomenti trattati

Aziende

A
ABB

Approfondimenti

E
energy saving
I
industria
S
sostenibilità

Articolo 1 di 2