Energia

Il futuro dell’energia è nell’idrogeno

Intervista a Boyana Achovski, Segretario generale di Gas Infrastructure Europe. “L’attuale infrastruttura del gas rappresenta un’enorme opportunità per l’Europa di accelerare l’adozione dell’idrogeno: man mano che i mercati dell’idrogeno si sviluppano a partire dai cluster industriali, l’infrastruttura del gas naturale potrebbe essere costruita o riconvertita progressivamente per trasportare, immagazzinare e importare idrogeno”

02 Ago 2022

Piera Della Porta

Innovation Manager CDI Labs

Abbiamo avuto la possibilità e l’onore di intervistare Boyana Achovski, Segretario generale di Gas Infrastructure Europe (GIE). Abbiamo discusso principalmente su come l’Unione Europea si sta preparando alla transizione energetica e, nello specifico, su quali politiche e adeguamenti infrastrutturali sono stati e sono in corso di attuazione per facilitare l’introduzione dell’idrogeno verde come risposta europea all’indipendenza e alla sostenibilità ambientale.

Miss Achovski, innanzitutto grazie per la disponibilità. Inizierei chiedendole di fornirci alcune informazioni sul GIE, sul ruolo di questa associazione e sui suoi obiettivi.

Boyana Achovski, Segretario generale di Gas Infrastructure Europe (GIE)

B.A.: Il GIE è l’associazione degli operatori delle infrastrutture del gas in Europa. Da 20 anni, i nostri membri contribuiscono alla resilienza del sistema energetico dell’UE con gasdotti, stoccaggi sotterranei e terminali GNL. Oggi rappresentiamo 67 membri del settore provenienti da 25 Paesi. In poche parole, il nostro compito è quello di fare da ponte tra la realtà sul campo e le ambizioni dell’UE. Per farlo, ci confrontiamo con i nostri membri per seguire le loro attività quotidiane. Inoltre, abbiamo sviluppato strumenti di trasparenza che mostrano le cifre aggiornate dei volumi di gas trasportati e stoccati dagli operatori delle infrastrutture del gas dell’UE nelle varie regioni dell’Unione. Questi strumenti sono molto utili per i decisori, soprattutto in tempi in cui l’incertezza politica e i continui cambiamenti sono costanti e le decisioni devono essere prese rapidamente.

Per entrare più nel dettaglio, quali sono le principali tendenze geopolitiche che influenzano le strategie energetiche dell’Europa? E soprattutto, quali sono le implicazioni geopolitiche sull’economia dell’idrogeno?

B.A.: COVID-19, crisi dei prezzi del gas, seguiti dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. L’Europa deve abituarsi a operare in uno stato di crisi. Il processo decisionale deve essere accelerato con la messa a punto di nuovi strumenti e meccanismi per risposte efficaci. Nuovi parametri hanno sconvolto il nostro ecosistema a tutti i livelli, in particolare il settore energetico, richiedendo alle istituzioni europee azioni importanti e un riordino della strategia. Possiamo ora classificare le priorità dell’UE sotto tre pilastri principali: sicurezza dell’approvvigionamento, obiettivi climatici e accessibilità intesa in termini economici.

Anche se negli ultimi anni l’abbiamo data per scontata, la sicurezza dell’approvvigionamento è ora sulla bocca di tutti. In poche parole, si tratta di garantire che i cittadini europei possano continuare a riscaldare le loro case e beneficiare di tutti i comfort che un sistema energetico ben funzionante può offrire. Si tratta anche di garantire che le nostre industrie continuino a produrre valore e a mantenere un alto livello di occupazione. Insieme all’Unione Europea, stiamo esaminando le dipendenze e le indipendenze dei diversi Stati membri dell’UE con il resto del mondo. La buona notizia è che gli operatori delle infrastrutture del gas possono fornire molteplici soluzioni per diversificare le fonti di approvvigionamento, collegando le regioni dell’UE con il resto del mondo. Offriamo la possibilità di stoccare importanti volumi di energie rinnovabili e molecole a basso contenuto di carbonio nei nostri impianti di stoccaggio sotterranei e i terminali GNL possono diventare le porte d’ingresso per questi.

Inoltre, anche gli obiettivi climatici rimangono fondamentali. Infatti, gli operatori delle infrastrutture del gas continuano a lavorare allo sviluppo di soluzioni per migliorare la decarbonizzazione dell’economia dell’UE in modo sostenibile ed efficiente. Le fonti e i vettori energetici rinnovabili e a basso contenuto di carbonio svolgeranno un ruolo fondamentale nella realizzazione di questo impegnativo processo. L’idrogeno e i biogas, così come il gas naturale nel periodo di transizione, in tutte le loro forme, faranno parte dei cambiamenti di gioco.

Ultimo ma non meno importante: l’accessibilità economica. Dovremmo sempre considerarla quando parliamo di aspetti economici per essere sicuri di avere tutti a bordo per questa transizione. È fondamentale proteggere i cittadini dell’UE e sostenere le industrie.

A questo proposito, se vogliamo capire la situazione odierna, dobbiamo guardare al passato. Il mercato del gas e l’accessibilità dell’energia sono finiti in prima pagina con la crisi dei prezzi dell’energia dello scorso anno. Successivamente, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha posto la sicurezza degli approvvigionamenti in cima alle priorità dell’UE, superando gli obiettivi climatici. L’equilibrio del trilemma energetico dell’UE è stato quindi ristabilito. Allo stato attuale, è difficile sapere quale sarà l’impatto a lungo termine di tutta questa situazione, vista l’incertezza in cui ci stiamo evolvendo. Le cose si stanno muovendo a una velocità imprevista.

Una cosa è chiara: l’attuale crisi ha ricordato a tutti noi il ruolo vitale delle infrastrutture del gas nel garantire la sicurezza energetica e la stabilità economica. Negli ultimi mesi abbiamo assistito a un crescente interesse per il GNL e gli impianti di stoccaggio, e non parlo solo dei media. È iniziato con la Commissione europea, con la quale abbiamo lavorato a stretto contatto per trovare soluzioni per proteggere le nostre economie e i nostri cittadini e per prepararci al prossimo inverno, ad esempio con il nuovo regolamento europeo sullo stoccaggio del gas e con la Piattaforma energetica europea. Questo interesse può essere facilmente illustrato dando un’occhiata al traffico delle nostre piattaforme che forniscono dati per monitorare l’evoluzione del mercato del gas in Europa, che dall’inizio dell’anno ha quasi decuplicato il proprio pubblico*. Le piattaforme del GIE fungono da punto di riferimento per la comunicazione quotidiana dei dati da parte degli operatori di stoccaggio e GNL dell’UE27; la piattaforma di stoccaggio AGSI+ copre attualmente il 98% degli stoccaggi dell’UE27 e la piattaforma GNL ALSI copre il 100% dei terminali europei di grandi dimensioni. Sia gli operatori di mercato che gli enti normativi utilizzano queste piattaforme come riferimento per il monitoraggio delle crisi, ad esempio monitorando i livelli di riempimento degli stoccaggi.

*+865% per AGSI+ (da 1776 al giorno il 1° gennaio a 15365 al giorno il 25 luglio).

Come ha detto, il quadro è davvero complesso, anche per gli ultimi eventi legati alla guerra in Ucraina. In che modo questo ha influito sui trend di decarbonizzazione?

B.A.: La questione principale riguarda la dipendenza e la risposta a breve e lungo termine. Per noi, l’argomento principale è come possiamo sostenere l’intero processo, e per farlo è molto importante adattarsi.

Per sfruttare appieno il potenziale dell’infrastruttura del gas, è fondamentale adattare il quadro normativo. La diversificazione è fondamentale in termini di forniture e volumi diversi. Se parliamo di diversificazione delle forniture di gas, una delle opzioni potrebbe essere quella di aumentare le importazioni di gasdotti esistenti da quei fornitori che non provengono dalla Russia.

Per quanto riguarda la produzione nazionale, potremmo incrementare la produzione di biometano fino a 35 miliardi di metri cubi entro il 2030, come prevede anche la proposta di REPowerEU. D’altra parte, le importazioni di GNL per modificare i flussi di gas richiedono alcuni progetti infrastrutturali e un’ulteriore interconnettività nella rete del gas all’interno dell’UE per utilizzare i terminali GNL esistenti. Poi l’idrogeno, naturalmente: dobbiamo accelerare la transizione verso l’idrogeno attraverso lo sviluppo rapido di infrastrutture integrate, impianti di stoccaggio, ma anche la diversificazione della produzione e delle importazioni di idrogeno rinnovabile. Riteniamo inoltre che il sostegno della Commissione europea sia fondamentale per creare partenariati energetici a lungo termine con Paesi terzi per l’importazione di idrogeno e, infine, la necessità di riconvertire e riadattare le infrastrutture del gas all’idrogeno, con risparmi di costi e di tempo: secondo la nostra valutazione, il riconvertire i gasdotti del gas naturale all’idrogeno comporterebbe un risparmio di costi di circa l’80% rispetto a una nuova costruzione. Il quadro normativo deve facilitare questa transizione per sfruttare al massimo queste sinergie.

Un altro aspetto che deve essere preso in considerazione e discusso è lo stoccaggio sotterraneo. In questo contesto, il GIE sostiene l’obiettivo di riempimento fissato all’80% per il 1° novembre 2022 e al 90% dal 2023 in poi. Tuttavia, è necessaria una certa flessibilità, considerando che alcuni Paesi hanno capacità di stoccaggio molto grandi, che coprono una quota enorme del loro consumo annuale di gas, mentre altri Paesi non hanno alcuna capacità di stoccaggio – il che sottolinea la necessità di un chiaro meccanismo di ripartizione degli oneri che tenga conto della domanda interna di gas, delle capacità di interconnessione, ecc. L’ultima misura che vorremmo vedere è un investimento adeguato nell’infrastruttura del GNL per migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento europeo, soprattutto investendo a monte, che può davvero garantire volumi aggiuntivi di GNL.

Quali sono le normative europee più rilevanti che hanno un impatto sull’efficienza energetica per le industrie ad alto consumo energetico? Vede una normativa specifica in vigore al momento che richiede una modifica urgente?

B.A.: Nella sua ultima comunicazione “Risparmiare gas per un inverno sicuro”, la Commissione suggerisce agli Stati membri dell’UE di adottare un obiettivo volontario di riduzione del 15% della domanda di gas dal 1° agosto 2022 al 31 marzo 2023. Per raggiungere questo obiettivo, gli Stati membri dovranno dare priorità ai clienti non protetti quando rivedranno i loro piani di emergenza per il gas a settembre.

Inoltre, l’anno scorso è stato caratterizzato dal lancio del pacchetto Fit for 55. In breve, questo piano mira ad incrementare il numero di clienti non protetti, prevedendo l’aumento dell’uso di fonti di energia rinnovabili e lo sviluppo di misure di efficienza energetica con l’obiettivo finale di tagliare le emissioni a tutti i livelli per ottenere una riduzione di almeno il 55% entro il 2030. Condividiamo gli obiettivi ambiziosi della Commissione europea e sosteniamo pienamente l’accelerazione dell’introduzione sul mercato di fonti rinnovabili e a basse emissioni di carbonio.

Per far sì che ciò funzioni, è tuttavia essenziale migliorare il quadro del mercato del gas e sostenere i nostri sforzi di decarbonizzazione. Rimaniamo pienamente impegnati a ridurre le nostre emissioni, a rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento e a contribuire allo sviluppo dell’economia dell’idrogeno nell’UE. Infatti, intendiamo continuare a lavorare in collaborazione con tutte le parti interessate coinvolte nel pacchetto di decarbonizzazione del mercato dell’idrogeno e del gas per realizzare al meglio gli obiettivi dell’Unione Europea. In qualità di gestori di infrastrutture del gas, abbiamo un ruolo cruciale da svolgere nello sviluppo dell’economia dell’idrogeno: la nostra vasta infrastruttura e la nostra conoscenza completa del mercato del gas sono beni preziosi ora e in futuro.

L’attuale infrastruttura del gas rappresenta un’enorme opportunità per l’Europa di accelerare l’adozione dell’idrogeno: man mano che i mercati dell’idrogeno si sviluppano a partire dai cluster industriali, l’infrastruttura del gas naturale potrebbe essere costruita o riconvertita progressivamente per trasportare, immagazzinare e importare idrogeno, convergendo verso un’infrastruttura paneuropea dell’idrogeno. Il GIE ha presentato alcuni mesi fa un documento sul pacchetto di decarbonizzazione del mercato dell’idrogeno e del gas.

Cosa prevede la strategia in termini di sviluppo delle infrastrutture? Come si sta preparando l’Europa ad adattare le politiche e le infrastrutture attuali per sviluppare l’infrastruttura H2, e quali sono i principali ostacoli alla realizzazione della strategia europea per l’H2? Secondo lei, cosa manca ancora nel contesto attuale per avere un passaggio adeguato all’H2?

idrogeno

BA: Tutte le strategie pubblicate di recente dalla Commissione riconoscono il fatto che saranno necessarie infrastrutture per l’idrogeno. Il quadro completo è costituito da oleodotti, depositi e terminali. Per quanto riguarda i gasdotti, poiché la domanda e l’offerta non saranno sempre geograficamente vicine, i gasdotti devono collegare i punti. In un mondo con più elettricità rinnovabile, che sarebbe intermittente e non distribuibile, lo stoccaggio di idrogeno rinnovabile nel sottosuolo è essenziale per garantire le esigenze di flessibilità a breve e lungo termine. Per quanto riguarda l’importazione di idrogeno e il ruolo dei terminali, l’Europa farà affidamento sulle importazioni di idrogeno e dei suoi derivati: ammoniaca, gas sintetico e LOHC. È positivo poter contare sui terminali per ricevere energia verde da tutto il mondo.

La Commissione ha anche creato l’Alleanza europea per l’idrogeno pulito, che è fondamentalmente una piattaforma di incontro che consente ai leader di discutere di soluzioni a idrogeno e agli investitori di incontrarsi e di fare brainstorming sui modi migliori per realizzare questa economia dell’idrogeno nel modo più efficiente e il più presto possibile. Il suo obiettivo è sostenere la diffusione su larga scala delle tecnologie pulite dell’idrogeno entro il 2030, mettendo insieme temi come la produzione di idrogeno rinnovabile e a basse emissioni di carbonio, la domanda nell’industria, nella mobilità e in altri settori, nonché la trasmissione e la distribuzione dell’idrogeno. E il GIE ne fa parte.

Inoltre, il GIE condivide gli obiettivi della Commissione Europea di migliorare il quadro del mercato del gas e di decarbonizzare il sistema gas. Per sostenere l’efficiente attuazione del “Pacchetto sul mercato dell’idrogeno e del gas decarbonizzato”, la legislazione dovrebbe favorire l’adozione di un mercato idrogeno e consentire sviluppi flessibili, sfruttare le sinergie tra il gas naturale e le infrastrutture per l’idrogeno, migliorare l’integrazione del settore e la pianificazione integrata degli investimenti, nonché migliorare il sistema di certificazione per il commercio di gas rinnovabili e a basso contenuto di carbonio. Nella nostra risposta alla proposta della Commissione europea, presentiamo diverse misure per rendere più efficace il pacchetto di decarbonizzazione del mercato dell’idrogeno e del gas, per esempio come creare un sistema energetico integrato, come migliorare l’attuale quadro del mercato del gas, come promuovere i gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio e l’idrogeno nelle infrastrutture e nei mercati e infine come migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento e dello stoccaggio del gas.

Parlando di tecnologia, in base alla sua esperienza e alle sue conoscenze, pensa che l’Europa possa essere un leader globale nelle tecnologie pulite dell’idrogeno? Ha già menzionato lo stoccaggio come tecnologia chiave, quindi la domanda è: qual è finora la migliore tecnologia di stoccaggio dell’idrogeno in Europa?

BA: Beh, cominciamo col dire che crediamo che l’Europa possa essere davvero ben posizionata come leader quando parliamo di tecnologie pulite dell’idrogeno. L’intero settore sta lavorando duramente allo sviluppo di soluzioni per dare il via all’economia dell’idrogeno. Questo è anche uno degli obiettivi che condividiamo: fare dell’UE il primo continente neutrale dal punto di vista climatico e diventare leader nelle tecnologie dell’idrogeno. Se guardiamo ai diversi Stati membri dell’UE e ai piani di ripresa messi in atto dopo la crisi del COVID-19, sono evidenti gli interessi e gli sforzi in questa direzione. Ma questi sforzi devono essere sostenuti dall’attuazione di incentivi e dall’adeguamento del quadro normativo. Sono molti i progetti che potremmo citare in tutta Europa. Nel GIE abbiamo sviluppato diversi studi che mostrano come le infrastrutture del gas potrebbero essere riutilizzate e riadattate per trasportare e stoccare l’idrogeno su lunghe distanze e in grandi volumi. Oggi lo stoccaggio è fondamentale per raggiungere l’equilibrio dei sistemi del gas e dell’elettricità. Lo stoccaggio del gas può immagazzinare energia sostenibile e fluttuante su larga scala e a basso costo, garantendo così la sicurezza dell’approvvigionamento. Può anche svolgere un ruolo importante nello stoccaggio di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio, compreso l’idrogeno, in futuro. I membri del GIE hanno già annunciato pubblicamente più di 35 progetti e studi nel campo dello stoccaggio sotterraneo dell’idrogeno. E il numero continua ad aumentare ogni mese.

Uno dei progetti che vorrei citare è Aquamarine, guidato dall’Hungarian Gas Storage, che comprende un sistema di elettrolisi da 2,5 MW di potenza totale e una tecnologia di preparazione dell’idrogeno gassoso presso il sito di stoccaggio sotterraneo di gas di Kardoskut. L’infrastruttura consentirà la produzione di idrogeno verde dalla decomposizione dell’acqua e l’utilizzo del surplus nel sistema elettrico, con conseguente generazione di energia rinnovabile. Oltre alla transizione verde nell’industria del gas, l’effetto del progetto darà anche spazio all’uso diffuso della tecnologia basata sull’utilizzo dell’idrogeno. In questo modo, il progetto promuove l’integrazione intelligente dei settori e svolge un ruolo attivo nei processi di decarbonizzazione nella regione CEE. E ce ne sono molti altri che dimostrano come l’Europa possa essere in grado di costruire diverse soluzioni avanzate per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione.

Questa è la prova che l’Europa sta facendo del suo meglio per imboccare la strada della decarbonizzazione e anche per spingere l’idrogeno nell’economia dell’energia, ma naturalmente ci sono alcune criticità: quali sono i principali ostacoli alla realizzazione di questa strategia europea e alla scalata dell’economia dell’idrogeno?

B.A.: Ci sono red flags nella prospettiva dell’idrogeno, soprattutto quando si tratta di investimenti che sono urgentemente necessari per fornire tecnologie adeguate. L’Alleanza europea per l’idrogeno pulito ha incontrato una serie di barriere normative, finanziarie e tecniche che devono essere superate per facilitare lo sviluppo dei progetti sull’idrogeno. La regolamentazione può svolgere un ruolo chiave nel consentire il superamento di queste criticità e creare un ambiente fertile per la crescita e lo sviluppo delle tecnologie.

In questo contesto cosa manca ancora per un corretto passaggio all’idrogeno?

BA: Anche se i tempi sono molto brevi e dobbiamo agire in fretta, l’agenda è molto ambiziosa, abbiamo le migliori intenzioni, ma abbiamo bisogno di un tempo adeguato a portare avanti i diversi progetti e le iniziative che sono nate. L’intero centro della discussione sta cambiando per il contesto geopolitico, e sta diventando sempre più importante discutere della sicurezza degli approvvigionamenti e dell’indipendenza dell’Europa dal gas. È solo una questione di tempo.

Grazie mille, miss Achovski.

idrogeno

@RIPRODUZIONE RISERVATA
D
Piera Della Porta
Innovation Manager CDI Labs

Articolo 1 di 5