Decarbonizzazione

Enel chiude l’ultima centrale a carbone in Cile

Il gruppo ha effettuato la disconnessione e la cessazione delle attività del gruppo II dell’impianto di Bocamina. L’abbandono definitivo del carbone è previsto entro il 2027

03 Ott 2022

Enel è diventa la prima azienda elettrica in Cile a non utilizzare più il carbone per le sue attività di generazione, con 18 anni di anticipo rispetto all’obiettivo originario del 2040 fissato dal Piano Nazionale di Decarbonizzazione cileno del 2019. Nei giorni scorsi la società cilena del Gruppo Enel, Enel Chile, ha effettuato infatti la disconnessione e la cessazione delle attività del gruppo II della centrale a carbone di Bocamina, nella municipalità di Coronel, dopo aver ricevuto l’autorizzazione dalla Commissione nazionale cilena per l’energia.  Un provvedimento che arriva dopo la chiusura di Tarapacà nel 2019 e del gruppo I di Bocamina nel 2021 e che rientra nella strategia Just Energy Transition. Quest’ultima rappresenta un approccio che include soluzioni tecnologiche, sociali e ambientali volte a garantire che la dismissione della flotta a carbone dell’azienda venisse effettuata massimizzando il valore per il personale degli impianti, gli appaltatori e le comunità locali.

In linea con questa strategia, la chiusura del gruppo II di Bocamina ha previsto opzioni di ricollocazione per i dipendenti dell’impianto, l’attuazione di un’ampia serie di iniziative per lo sviluppo sociale, economico e imprenditoriale della comunità di Coronel, nonché un ambizioso progetto di riforestazione per trasformare l’area di 10 ettari della discarica di ceneri dell’impianto, che non sarà più utilizzata, in una foresta autoctona. Inoltre, in linea con i principi dell’economia circolare, l’azienda sta studiando diverse alternative per riutilizzare gli asset dell’impianto al fine di dare nuova vita al sito e creare opportunità di sviluppo per l’area. Proprio in Cile, tra agosto e settembre, la società italiana ha avviato due nuovi impianti solari, Azabache e Sol de Lila, per un totale di 221 MW e prevede di collegare alla rete ulteriori 500 MW circa di capacità rinnovabile nei prossimi mesi

“La chiusura del nostro ultimo impianto di generazione a carb.one in funzione in Cile evidenzia l’impegno del Gruppo Enel per la decarbonizzazione dei suoi sistemi energetici – ha commentato Salvatore Bernabei, CEO di Enel Green Power – . Il percorso verso gli obiettivi di decarbonizzazione si accompagna al continuo rafforzamento del nostro portafoglio di energie rinnovabili, che comprende eolico, geotermico, solare, idroelettrico e sistemi di accumulo a batterie”. A livello globale. Enel prevede di uscire dalla generazione a carbone entro il 2027 e da quella a gas entro il 2040, sostituendo la propria flotta termica con nuova capacità rinnovabile e facendo leva sull’ibridazione delle rinnovabili con soluzioni di accumulo. Di conseguenza, la capacità rinnovabile complessiva dovrebbe salire a circa 77 GW entro il 2024, con l’obiettivo di raggiungere circa 154 GW entro il 2030.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

E
ENEL

Approfondimenti

C
carbone
R
rinnovabili

Articolo 1 di 5