Report

Energia: cresce l’occupazione globale trainata dalle fonti pulite, Rapporto IEA

Nel suo primo rapporto sui posti di lavoro nel settore energetico in tutto il mondo, l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha rilevato che l’occupazione ha superato i livelli pre-Covid, spinta dall’energia pulita che assorbe ormai più della metà degli occupati dell’intero settore energetico

14 Set 2022
In recent years, the share of energy employment related to clean energy technologies has grown steadily and has proven more resilient through the Covid-19 pandemic

In tutto il mondo, la quantità di posti di lavoro nel settore energetico si è ripresa dalle interruzioni dovute al Covid-19, superando il livello pre-pandemico di oltre 65 milioni di persone, ovvero circa il 2% della forza lavoro totale. La crescita è stata sostanzialmente trainata dalle assunzioni nei settori dell’energia pulita; al contrario, il settore petrolifero e del gas ha visto alcuni dei maggiori cali dell’occupazione all’inizio della pandemia e deve ancora riprendersi completamente.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile

Secondo un nuovo rapporto dell’IEA (International Energy Agency) che punta ad essere il punto di riferimento mondiale per l’occupazione nei settori dell’energia, l’energia pulita ha superato la soglia del 50% per la sua quota di occupazione energetica totale, con quasi i due terzi dei lavoratori coinvolti nella costruzione di nuovi progetti e nella produzione di tecnologie energetiche pulite. Allo stesso tempo, anche il settore petrolifero e del gas sta vivendo una ripresa dell’occupazione, con nuovi progetti in fase di sviluppo, in particolare nuove infrastrutture per il gas naturale liquefatto (GNL).

Più della metà dell’occupazione energetica si trova nella regione Asia-Pacifico. Ciò riflette la rapida espansione delle infrastrutture energetiche nella regione e l’accesso a manodopera a basso costo che ha permesso l’emergere di hub di produzione che servono sia i mercati locali che quelli di esportazione, in particolare per il solare, i veicoli elettrici e ibridi e le batterie. La Cina da sola rappresenta il 30% della forza lavoro energetica globale. Tuttavia, le società energetiche affermate in Nord America e in Europa mantengono la forza del mercato globale e ancorano una considerevole base di occupazione che lavora su progetti nazionali ed esteri, come nel caso del petrolio e del gas, dell’eolico e dell’ingegneria dei veicoli.

Employment in new sectors already rivals levels in conventional energy sectors

Posti di lavoro nell’energia: continueranno a crescere

L’edizione inaugurale del World Energy Employment Report, che sarà pubblicata annualmente, mappa l’occupazione del settore energetico per tecnologia e segmento della catena del valore, con circa un terzo dei lavoratori nella fornitura di combustibili energetici (carbone, petrolio, gas e bioenergia), un terzo nel settore energetico (generazione, trasmissione, distribuzione e stoccaggio) e un terzo negli usi finali chiave dell’energia (produzione di veicoli ed efficienza energetica). In questo modo, fornisce una base ricca di dati per i responsabili politici e i responsabili delle decisioni del settore per comprendere gli impatti sul lavoro delle transizioni e dei cambiamenti nell’energia pulita nelle catene di approvvigionamento energetico a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

Secondo il rapporto, il settore energetico è destinato a vedere la sua più rapida crescita dell’occupazione negli ultimi anni nel 2022, ma gli elevati costi di input e le pressioni inflazionistiche si stanno aggiungendo alle sfide di assunzione e di supply chain già presenti in alcune regioni e sotto-settori, come il solare, l’eolico, il petrolio e il gas. Tuttavia, le risposte politiche alla pandemia e all’invasione russa dell’Ucraina, compresi il REPoweEU e  il recente Inflation Reduction Act degli Stati Uniti, continueranno ad aumentare la nuova domanda di assunzioni e a spostare lo status quo delle catene di approvvigionamento energetiche globali. E a quanto pare, molti segmenti di energia pulita rivaleggiano con la forza lavoro nei segmenti energetici convenzionali. Tanto che la produzione di energia a basse emissioni di carbonio, principalmente solare ed eolica, impiega 7,8 milioni di persone, alla pari con l’offerta di petrolio.

Gli investimenti in decarbonizzazione alimentano l’occupazione energetica

In tutti gli scenari dell’IEA, man mano che i paesi e le aziende accelerano gli sforzi per decarbonizzare, l’occupazione nel settore dell’energia pulita è destinata a crescere, superando il declino dei posti di lavoro nei combustibili fossili. Nello scenario delle emissioni nette zero entro il 2050, entro il 2030 verranno creati 14 milioni di nuovi posti di lavoro nel settore dell’energia pulita; mentre altri 16 milioni di lavoratori passeranno a nuovi ruoli legati all’energia pulita.

Inoltre, la costruzione di nuovi progetti, compresa la produzione di loro componenti, è il più grande motore di occupazione energetica lungo tutta la catena del valore. Oltre il 60% della forza lavoro è impiegata per sviluppare nuovi progetti, tra cui la costruzione di centrali elettriche, pozzi di petrolio online e condotte di posa, produzione di automobili, realizzazione di retrofit di efficienza e installazione di pompe di calore elettriche ad alta efficienza.

“I paesi di tutto il mondo stanno rispondendo all’attuale crisi cercando di accelerare la crescita delle industrie locali di energia pulita. Le regioni che faranno questa mossa vedranno un’enorme crescita dei posti di lavoro – ha dichiarato il direttore esecutivo dell’IEA, Fatih Birol – Cogliere questa opportunità richiede lavoratori qualificati. I governi, le aziende, i rappresentanti dei lavoratori e gli educatori devono riunirsi per sviluppare i programmi e gli accreditamenti necessari per coltivare questa forza lavoro e garantire che i posti di lavoro creati siano posti di lavoro di qualità in grado di attrarre una forza lavoro diversificata”.

New energy projects are the major driver of employment, with around 65% of energy workers employed to build and deploy new solar plants, wellheads, heat pumps, cars, and more

Occorre formare lavoratori qualificati

I nuovi posti di lavoro nel settore dell’energia potrebbero non trovarsi sempre nella stessa posizione né richiedere le stesse competenze dei lavori che sostituiscono, richiedendo ai responsabili politici di concentrarsi sulla formazione professionale e sullo sviluppo di capacità per garantire che le transizioni energetiche vadano a beneficio del maggior numero possibile di persone e non siano ostacolate da una carenza di lavoratori qualificati.

Il settore energetico richiede lavoratori più qualificati rispetto ad altre industrie. Circa il 45% dei lavoratori energetici del mondo sono in occupazioni altamente qualificate, rispetto a circa il 25% per l’economia in generale. Questa quota è ancora più elevata per i posti di lavoro in ricerca e sviluppo per nuove innovazioni energetiche, molte delle quali sono destinate a crescere rapidamente fino a 2030.

Alcune aziende di combustibili fossili stanno riqualificando internamente i lavoratori per ricoprire posizioni in aree a basse emissioni di carbonio, trattenendo così i talenti e assicurando la flessibilità di spostare i lavoratori in diversi segmenti di business in base alle esigenze. Tuttavia, ciò non succede ovunque, e garantire una transizione centrata sulle persone e giusta per i lavoratori colpiti deve rimanere un punto focale per i responsabili politici, specialmente nel settore del carbone, dove l’occupazione è in costante calo da diversi anni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5