Nuove tecnologie

Metaverso: perchè può essere utile nel settore Energy

Un report di Nokia ed EY evidenzia come il metaverso industriale abbia numerose possibilità di applicazione anche in ambito energetico. Che deve però recuperare un po’ di ritardo rispetto ad altri comparti

Pubblicato il 17 Lug 2023

Il metaverso non è soltanto l’ultima buzzword del momento, ma una tecnologia che potrà avere presto degli impatti su molteplici settori produttivo, compreso quello energetico. Questa la principale indicazione che arriva dallo studio The metaverse at work realizzato da EY per conto di Nokia con 860 dirigenti d’azienda in sei paesi del mondo. Secondo la società, che ha da tempo abbandonato il suo focus sul mobile per concentrarsi sulle reti di comunicazione, i tre principali casi d’uso che si prevede forniranno maggior valore trasformativo sono innanzitutto l’uso della XR (extended reality) sul campo: il 39% del campione prevede di implementare l’XR sul campo entro l’anno, ritenendo che abbia un maggiore potenziale grazie alla capacità di fornire ai tecnici sul campo una migliore assistenza remota nell’interazione con le infrastrutture di rete collegate in modo non sicuro. Un altro caso applicativo molto interessante riguarda le reti virtuali: il metaverso può essere utilizzato per monitorare e comprendere meglio le reti elettriche per supportare le operazioni e informare i responsabili delle decisioni. Può anche essere utilizzato nelle simulazioni per pianificare i tassi di consumo e, in caso di eventi meteorologici gravi, pianificare reazioni che riducano al minimo la durata e le dimensioni dei blackout. Infine, il metaverso può essere impiegato dalle utility per supportare le fasi di ricerca e sviluppo prototipazione e test.

Le potenzialità del metaverso

Claudio Santonianni, Direttore Marketing & Corporate Affairs Italia di Nokia

Come racconta a EnergyUp.Tech Claudio Santoianni – Direttore Marketing & Corporate Affairs Italia di Nokia, “Il Metaverso è una delle possibili tecnologie che abilitano la trasformazione delle imprese. Questa evoluzione tecnologica è in una prospettiva molto lunga, passa attraverso una maturazione aziendale e la capacità di cogliere opportunità derivanti da tecnologie nate anche per altri scopi e settori, come appunto il metaverso. È una tecnologia dalle grandissime potenzialità, per certi versi ancora inespresse, ma anche una piattaforma abilitante, non un punto di arrivo ma una di partenza per la trasformazione digitale. Il nostro report fotografa infatti il metaverso come uno strumento per la trasformazione aziendale e l’ottimizzazione delle proprie operations. Oggi metaverso emerge come si tratta di una tecnologia già oggi disponibile, dunque una realtà e non una moda. Inoltre chi ha già realizzato dei pilot o dei progetti veri e propri ha misurato un’efficienza superiore alle attese”.

WHITEPAPER
Soluzioni as a service : la roadmap verso la sostenibilità industriale
Automazione industriale
Smart Grid

Perchè sperimentare

Eppure, rispetto ad altri mercati verticali, come ad esempio l’automotive, il mondo power utility è un pochino più indietro nella sua strada verso il metaverso. “È un fatto legato sia al campo di utilizzi sia anche a una diversa sensibilità “storica”. In altri comparti c’è stato poi anche lo stimolo di fattori esterni, ad esempio logistica è stata spinta dal Covid, mentre l’automotive da un mercato in continua evoluzione. Inoltre, nell’energy non c’è forse ancora stato il grande caso effettuato da un grande attore che potesse dar luogo a un processo imitativo. Nel caso della power utility il caso più utilizzato è quello della extended reality, perché consente di rendere più efficienti i processi di osservazione, di manutenzione e di miglioramento della sicurezza operativa. Tra l’altro quasi tutti gli intervistati prevedono di realizzare entro l’anno un intervento di questo tipo entro l’anno o, comunque, di metterlo a piano. Dunque il metaverso non è utile soltanto per la formazione, ma anche per aumentare le condizioni di efficienza e sicurezza delle operations”. L’aspettativa, dunque, è che anche il mondo power utilities si sposti con più coraggio verso il metaverso, proprio per effetto della possibilità di ottenere risultati concreti in termini di miglioramento dell’efficienza operativa.

I passaggi necessari per il metaverso

Ma quali sono i passaggi necessari per un’utility italiana che avesse la volontà di affrontare questa tecnologia? “Il passaggio fondamentale sarebbe quello di sederci intorno al tavolo per comprendere quale sia il problema da risolvere. Il metaverso è infatti una tecnologia, tra le tante frutto di questa ondata di digitalizzazione. Quindi occorre analizzare cosa serve a ogni azienda e quale trasformazione industriale di processo si voglia ottenere: c’è quindi bisogno innanzitutto di un’analisi consulenziale per capire quali sono gli ingredienti che Nokia e i suoi partner potrebbero fornire. La soluzione potrebbe essere una o tante e non comprendere necessariamente il metaverso, ma non può certo essere nota a priori”, conclude Santoianni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Gianluigi Torchiani

Articolo 1 di 4